Proteggiamo i nostri amici a quattro zampe

518

La salute di cani e gatti può essere messa a repentaglio dall’azione di parassiti come pulci, zecche e pappataci. Al fine di salvaguardare la salute dei nostri amici a quattro zampe, si raccomanda l’utilizzo di antiparassitari cani e gatti, che offrono una protezione completa dai rischi che i parassiti possono provocare.

I parassiti

Pulci e zecche sono ematofagi, ossia si nutrono di sangue di vertebrati, e sono tra i parassiti più diffusi. La puntura di una pulce generalmente provoca prurito e genera un’irritazione cutanea. In alcuni casi può provocare anche la caduta del pelo. La puntura di una pulce mette in contatto l’animale con la sua saliva, e questo può essere nocivo in quanto la pulce può veicolare diverse malattie, tra cui la Dermatite e la Bartonellosi. Benchè la stagione delle pulci sia prevalentemente la primavera, esse rappresentano una minaccia per l’intero anno, in quanto le case riscaldate possono garantire la sopravvivenza anche nei periodi più freddi.

Le zecche sono tra i parassiti più pericolosi. Si nascondono perlopiù nell’erba alta e attendono il passaggio dell’animale al quale aggrapparsi. Amano le zone umide, e sono attive soprattutto durante la bella stagione. Il primo morso della zecca non è percepito in quanto questi parassiti rilasciano anche sostanze anestetiche. Le zone usualmente attaccate dalla zecca sono l’addome, le orecchie e le zampe. Il primo sintomo è senza dubbio un forte prurito, che può essere accompagnato da vomito, diarrea, febbre, inappetenza e impallidimento delle mucose.

Il morso della Zecca può causare la trasmissione di malattie piuttosto serie, come la Malattia di Lyme, l’Ehrlichiosi e la Piroplasmosi. Se individuiamo una zecca sul corpo del nostro “fido”, dobbiamo contattare rapidamente il medico veterinario ed evitare di provare a togliere la zecca se non conosciamo attentamente la procedura, in quanto possiamo provocare il “rigurgito” della zecca, andando ad aumentare le possibilità di infezione. I Pappataci sono piccoli insetti simili alle zanzare, le cui punture possono veicolare patologie da non sottovalutare soprattutto per i cani; sicuramente la Leishmaniosi rappresenta il pericolo primario.

Usare gli antiparassitari

Sono diversi i tipi di antiparassitari con i quali difendere i nostri animali domestici. Tra i più utilizzati vi sono gli spot on, in cui le gocce presenti nelle fialette si applicano direttamente sulla cute dell’animale in uno o più punti; è molto importante, dunque, spostare bene il pelo ed accertarsi di arrivare sino alla cute, così che le ghiandole sebacee dell’animale consentano il pieno funzionamento del prodotto.

Le sostanze presenti nelle gocce sono in grado di prevenire le infestazioni; hanno funzione repellente, impedendo ai parassiti di entrare in contatto con l’animale, proteggendolo da tutte le malattie che possono essere trasmesse dai parassiti. La protezione fornita dagli spot on dura normalmente un mese, quindi è necessario ripetere l’operazione più volte durante l’anno.

Nei casi in cui l’infestazione sia già in atto, si possono utilizzare spray che in modo sicuro ed efficace eliminino i parassiti in un lasso di tempo piuttosto breve. La nebulizzazione va effettuata in modo omogeneo lungo tutto il pelo. Nei periodi estivi, quando gli animali escono più spesso, si consiglia di effettuare un’applicazione con cadenza mensile. Per essere sicuri di quale antiparassitario sia il più idoneo alla protezione del proprio animale, si raccomanda sempre un consulto con il proprio medico veterinario.