Il gatto e la lettiera: tutto quello che c’è da sapere

123
lettiera-per-gatti

Il gatto è un animale che presta particolare attenzione all’igiene personale ed a quella dell’ambiente in cui si muove ed interagisce. Inoltre, a differenza di quello che si potrebbe pensare, rifugge gli odori sgradevoli. Per tale ragione, è fondamentale mantenere la lettiera costantemente pulita ed igienizzata. Tuttavia, la scelta di tale prodotto non è sempre facile, anche perché in commercio sono disponibili diverse tipologie. Inoltre, una volta effettuato l’acquisto, la sfida con la lettiera non è ancora terminata, in quanto bisogna capire dove posizionarla ed abituare il gatto ad utilizzarla.

Valutare le tipologie

Le lettiere per gatti possono essere chiuse o aperte. Dunque, quale è meglio utilizzare? É difficile dare una risposta univoca a questa domanda, in quanto molto dipende dai gusti dell’animale e dalle idee del padrone. In generale, si può dire che più il rapporto con il gatto è stretto, più è facile capire le sue necessità ed i suoi gusti. Solitamente, i gatti schivi e poco inclini alle coccole, amano avere spazi protetti in cui dedicarsi alla propria igiene personale, mentre quelli più socievoli non hanno alcun problema a mostrarsi in pubblico, anche nei momenti più critici.

Prova la Lettiera King Kitten

Offerta a tempo limitato

Del resto, ogni animale ha il proprio carattere, proprio come gli esseri umani, che va rispettato. In commercio, inoltre, sono disponibili anche delle lettiere estremamente pratiche, in quanto dotate di setaccio, che permette di rimuovere solo gli escrementi e la sabbia bagnata, preservando quella asciutta e ancora utilizzabile. Tali prodotti sono veramente utili, anche perché consentono di eliminare lo sporco rapidamente e di risparmiare denaro.

Stabilire le dimensioni

Anche in fatto di lettiere le dimensioni hanno la loro importanza. Ciò porta ad escludere automaticamente quelle troppo piccole e quelle troppo grandi. I gatti, infatti, devono trovarsi a proprio agio e non percepire tali elementi come qualcosa di fastidioso e, quindi, da evitare. Alla luce di quanto appena affermato, quindi, si può procedere in due modi: cambiare la lettiera man mano che l’animale cresce, partendo con una piccola ed aumentando periodicamente il volume, oppure scegliere fin da subito una lettiera di dimensioni medie, che possa andare bene un po’ per tutte le fasi di crescita.

Del resto, bisogna anche contare lo spazio di cui si dispone a casa per posizionare tale articolo indispensabile per l’igiene del gatto. Tuttavia, è bene sottolineare, che la cosa più importante è che l’animale si trovi a proprio agio, per tanto, se si dispone di abitazioni caratterizzate da ambienti piccoli, è meglio optare per razze che non diventano troppo grandi.

Prestare attenzione al contenuto

Spesso ci si chiede quale sia la granulometria più adatta per la sabbia da posizionare all’interno della lettiera per gatti. É sempre meglio prediligere materiale fino e leggero, così da creare uno spazio confortevole ed accogliente per l’animale. Per quanto riguarda, invece, la composizione, è bene specificare che, anche in questo caso, bisogna fare i conti con diverse tipologie di prodotti.

Tuttavia, se si ha poco tempo a disposizione da dedicare alle operazioni di pulizia della lettiera, è opportuno orientarsi verso l’argilla organica, che è ha un ottimo potere assorbente. Inoltre, non si appiccica alle zampe del gatto, favorendo il mantenimento della pulizia degli ambienti domestici. L’animale, infatti, dopo aver espletato i propri bisogni, non lascerà zampate sui pavimenti o in corrispondenza dei mobili, poiché i granelli non aderiscono ai peli.

Se il micio, invece, soffre di minzione abbondante e maleodorante, o di incontinenza, allora è necessario acquistare una lettiera organica, perfetta per garantire un’assorbenza totale degli odori e dei liquidi. Tale prodotto, inoltre, è estremamente leggero, il che ne facilita il trasporto,  ed è biodegradabile, il che ne favorisce lo smaltimento.

Altro materiale interessante è il silicio, che ha sempre un ottimo potere assorbente, ma soprattutto un’eccellente capacità di eliminare gli odori. Esso si propone sottoforma di cristalli compatti, quasi del tutto privi di polvere, il che agevola la rimozione degli escrementi del gatto, e impedisce l’attaccamento dei granelli in corrispondenza delle zampe.

Decidere il collocamento

La lettiera per gatti, una volta collocata, non deve essere più spostata, in modo da non creare confusione nell’animale. La scelta del luogo non sempre è facile, ed è il risultato di numerosi ragionamenti. Infatti, bisogna tenere in considerazione sia le esigenze del gatto, sia quelle degli abitanti della casa, in modo da non rendere la situazione invivibile. Per tanto, è bene evitare di posizionare la lettiera in salotto o in cucina, e puntare su stanze facilmente raggiungibili dal gatto e tranquille.

Prova la Lettiera King Kitten

Offerta a tempo limitato

Altro aspetto da considerare per posizionare al meglio questo indispensabile prodotto per l’igiene personale del gatto, è l’eventuale presenza di altri animali domestici in casa. Qualora questo sia vero, è fondamentale rispettare i loro spazi, in modo da evitare scontri.

Inoltre, è necessario posizionare la lettiera lontano dalle ciotole dell’acqua  e del cibo utilizzate dallo stesso gatto per nutrirsi, poiché, come abbiamo detto, tale animale, è estremamente pulito e non ama entrare in contatto con odori sgradevoli quando mangia. Del resto, chi avrebbe piacere a consumare i propri pasti in un bagno?

Dunque, a conti fatti, i posti migliori per collocare la lettiera per gatti sono il bagno, il terrazzo o la veranda, in quanto sono luoghi confortevoli e tranquilli.

Abituare il gatto alla lettiera

Per abituare il gatto alla lettiera è necessario, prima di tutto, mostrargliela e indicargli il luogo di posizionamento, in modo che sappia cosa e dove cercare. Quindi, è necessario mettere l’animale più volte al suo interno, così che possa abituarsi e capire a cosa serve.

É sufficiente che la utilizzi una volta e che la impregni del suo odore per riconoscerla come zona adibita all’espletamento dei bisogni personali. Tuttavia, non sempre tale operazione avviene in tempi brevi. In questo caso è bene portare pazienza, non sgridare l’animale e rispettare i suoi tempi.

La pulizia della lettiera deve essere frequente, in modo da eliminare il materiale di scarto ed i cattivi odori. Del resto, come abbiamo detto poco sopra, i gatti sono animali estremamente puliti e non amano stare in mezzo alla sporcizia. Inoltre, se in casa sono presenti più gatti è bene che ciascuno disponga della propria lettiera personale, in modo che non si creino conflitti o malesseri.

Prova la Lettiera King Kitten

Offerta a tempo limitato